CREDITO D'IMPOSTA RICERCA E SVILUPPO 2020

10/01/2020


UNA MISURA NAZIONALE


METTE A DISPOSIZIONE DELLE IMPRESE


UN CREDITO D’IMPOSTA FINO AL 12%


(FINO A 3 MILIONI DI EURO)


PER ATTIVITA’ DI RICERCA E SVILUPPO,


INNOVAZIONE TECNOLOGICA E DESIGN


Sono ammissibili al credito d'imposta le seguenti attività:



  • Ricerca e Sviluppo: le attività di ricerca fondamentale, di ricerca industriale e sviluppo sperimentale in campo scientifico o tecnologico;

  • Innovazione tecnologica: le attività finalizzate alla realizzazione di prodotti o processi di produzione nuovi o sostanzialmente migliorati. Per prodotto o processo di produzione nuovo o sostanzialmente migliorato si intende un bene materiale o immateriale o un servizio o un processo che si differenzia, rispetto a quelli già realizzati o applicati dall’impresa, sul piano delle caratteristiche tecnologiche o delle prestazioni o dell’eco compatibilità o dell’ergonomia o per altri elementi sostanziali rilevanti nei diversi settori produttivi;

  • Design: le attività di design e ideazione estetica svolte dalle imprese operanti nei settori tessile e della moda, calzaturiero, dell’occhialeria, orafo, del mobile e dell’arredo e della ceramica, per la concezione e realizzazione dei nuovi prodotti e campionari.


Il credito d’imposta spettante è utilizzabile esclusivamente in compensazione in tre quote annuali di pari importo, a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello di maturazione, subordinatamente all’avvenuto adempimento degli obblighi di certificazione.


Ai fini del riconoscimento del credito d’imposta, l’effettivo sostenimento delle spese ammissibili e la corrispondenza delle stesse alla documentazione contabile predisposta dall’impresa devono risultare da apposita certificazione rilasciata dal soggetto incaricato della revisione legale dei conti.


 NOTA BENE


Trattasi di incentivo certo che necessita di essere documentabile e documentato. E’ pertanto opportuna relazione tecnica-economica delle attività svolte e dei costi sostenuti, asseverata da perito terzo abilitato (perizia giurata).