CAMCOM BOLOGNA - Contributi a sostegno dell’avvio d’impresa

30/07/2019


LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA


METTE A DISPOSIZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE


CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO


PARI AL 50% DELLE SPESE


(fino ad € 30.000,00 per Impresa)


PER SOSTENERE L’AVVIO D’IMPRESA


La Camera di Commercio assegna contributi in conto capitale a favore delle imprese di recente costituzione con sede legale e/o unità locali operative nell’area metropolitana di Bologna, con particolare riguardo per le neo-imprese femminili e giovanili, al fine di sostenere le spese necessarie nella fase di start up.


Sono ammesse a contributo esclusivamente le seguenti spese (al netto dell’IVA):



  • ­Onorari notarili;

  • ­Acquisto/noleggio o leasing di beni nuovi, durevoli;

  • ­Acquisto licenze d’uso/noleggio di software gestionale/professionale;

  • ­Spese per la realizzazione di reti telematiche, compreso acquisto del materiale informatico/elettrico, fatturate da imprese specializzate;

  • ­Costi per acquisizione di brevetti e diritti di licenza;

  • ­Costi per il deposito di marchi e brevetti in Italia e all’estero;

  • ­Spese per la formazione del personale;

  • ­Spese di pubblicità;

  • ­Spese per la realizzazione di materiale promozionale;

  • ­Spese per la prima progettazione e realizzazione del sito aziendale. Sono escluse spese di restyling dei siti web già esistenti e modifiche di singole pagine;

  • ­  Spese relative ai canoni del contratto di affitto dell’azienda o di un ramo d’azienda, per il periodo di ammissibilità di tutte le spese, ovvero da 1/1/2019 a 30/6/2020;

  • ­Spese di affitto locali aziendali per un periodo massimo di 6 mensilità;

  • ­Spese relative alle utenze per un periodo massimo di 6 mesi;

  • ­Spese relative alle quote iniziali del contratto di franchising;

  • ­Spese per acquisizione di certificazioni (es. ISO,EMAS, ecc…);

  • Spese di consulenza per la realizzazione di business plan.


Sono ammesse a contributo esclusivamente le spese (al netto dell’IVA), già sostenute tra il 1/1/2019 e la data di invio della domanda, o che l’impresa prevede di sostenere entro il 30/6/2020, allegando idonei preventivi.



Investimento minimo ammissibile: € 3.000,00